Spedizione gratuita per ordini superiori a 49€

Blog Casa / Consigli / Il gatto lecca l’antipulci: cosa succede e cosa fare

Il gatto lecca l’antipulci: cosa succede e cosa fare

Gatto che lecca l'antipulci

Proteggere il tuo micio con un antiparassitario efficace è fondamentale per la sua salute, ma cosa succede se il gatto lecca l'antipulci?

Il rischio d'intossicazione non è da escludere quando il gatto, nelle sue operazioni d'igiene quotidiana, si lecca subito dopo l’applicazione dell’antiparassitario.

Per ovviare a questo genere di problemi, ecco una guida completa su tutto ciò che c’è da sapere sui rischi del gatto che lecca l'antipulci e su come comportarti nel caso accada, per essere preparato a intervenire prontamente!

Sintomi dell'intossicazione del gatto da antipulci

Gli antipulci per gatti sono fondamentali per prevenire e curare le infezioni da parassiti. Tuttavia, è bene ricordarsi che questi prodotti possono contenere sostanze chimiche potenzialmente dannose per il tuo animale domestico: per questo motivo, è sempre meglio farsi consigliare dal Veterinario, il quale, conoscendo bene il tuo pet e la sua storia clinica, può indirizzarti sull'antiparassitario più adatto e sulla quantità da applicare, variabile in base al peso, allo stato di salute e ad altri fattori.

I sintomi dell’intossicazione da antipulci nel gatto sono:

  • ipersalivazione;
  • vomito;
  • diarrea;
  • reazioni cutanee transitorie: prurito, eritema o alopecia locale;
  • ipersensibilità ai rumori e alla luce;
  • mancanza di appetito;
  • apatia o, al contrario, eccitazione e agitazione;
  • tremori;
  • aumento della temperatura corporea.

Se il tuo gatto presenta uno o più di questi sintomi è opportuno recarsi dal Veterinario che, a seconda del quadro clinico e della quantità ingerita, tratterà Micio con la terapia più appropriata.

È bene sapere che questi effetti collaterali sono rari, a meno che non si applichi al gatto una quantità di prodotto eccessiva; per questo motivo è sempre opportuno consultare il Veterinario prima del trattamento.

Cosa fare dopo l'applicazione dell'antipulci al gatto

  1. Ricorda, a ogni pet va applicato il proprio antipulci specifico! I gatti, infatti, devono essere trattati con prodotti appositamente formulati per loro sia per il tipo di principio attivo che per il dosaggio. Se vuoi saperne di più, leggi i nostri consigli sui migliori antiparassitari per felini in questo articolo.
  2. Ti consigliamo inoltre di usare sempre prodotti a base di Fipronil e Imidalcloprid, sostanze chimiche efficaci contro i parassiti e ben tollerate dai felini.
  3. Fai inoltre attenzione che il tuo gatto non si lecchi subito dopo l’applicazione dell’antiparassitario: il principio attivo contenuto all'interno potrebbe comunque procurargli dei disturbi gastrointestinali. Potrebbe essere una buona idea cercare di distrarlo con dei giochi o con delle coccole!

Intossicazione del gatto da antipulci del cane: cosa fare

Come detto prima, la prima regola quando si parla di antiparassitari per animali domestici è applicare un antipulci specifico per il tuo pet.

La Permetrina è una sostanza insetticida spesso presente nei prodotti antiparassitari per cani. Questa componente è tossica per il gatto, il quale non possiede gli enzimi necessari per metabolizzarla. Per questo motivo, ti consigliamo vivamente di non applicare mai al tuo gatto un antipulci per cani: le conseguenze potrebbero essere fatali!

Cause dell'intossicazione da Permetrina nel gatto

Questo tipo d'intossicazione può avere diverse cause:

  • Informazione scorretta: come detto prima, gli antiparassitari per gatti e quelli per cani hanno composizioni diverse e per questo devono essere somministrati correttamente. È importante sapere che anche poche gocce di un antipulci per cani possono essere dannose per il tuo gatto, a causa, appunto, della Permetrina.
  • Contatto diretto: può succedere che il tuo gatto venga a contatto con un cane trattato. Se hai sia un micio che un cane, e a quest'ultimo è stato applicato un antiparassitario, assicurati di tenerli separati per un po' di tempo.
  • Distrazione: se hai anche un cane ti consigliamo di non lasciare mai le fialette fuori dalla confezione così da non confonderle con quelle destinate al gatto; sbagliarsi è un attimo e può essere dannoso per il tuo micio!

Cosa fare se si mette l'antipulci del cane al gatto

Può accadere di confondersi e applicare al gatto l’antipulci specifico per il cane. In questo caso, è necessario recarsi il prima possibile dal Veterinario: in questa situazione, infatti, la tempestività è fondamentale!

Avvisalo telefonicamente comunicandogli subito il tipo di prodotto e il dosaggio somministrato. Nel frattempo, puoi pulire la zona dove hai applicato lo spot-on con acqua tiepida e sapone.

Rimedi contro l'intossicazione da Permetrina nel gatto

In caso d'intossicazione da Permetrina il gatto deve essere portato immediatamente dal Veterinario.
Questa sostanza colpisce il sistema nervoso centrale e periferico del tuo gatto e provoca i seguenti sintomi:

  • ipersalivazione;
  • tremori e crisi epilettiche;
  • vomito;
  • diarrea;
  • difficoltà di coordinazione motoria;

Il Veterinario, in base ai sintomi diagnosticati, può procedere con la terapia più efficace.